Il Castello Barbarossa: l’Isola di Capri come punto di passaggio delle rotte migratorie degli uccelli ⓟ



ornitologi 2015

ornitologi 2015

foto Lello Mastroianni


Venerdì 13 maggio 2016
- ore 9.30 - Ingresso di Villa San Michele

I ruderi del castello, oltre alla suggestione della storia e del paesaggio, sono un luogo di grande importanza per lo studio della fauna avicola. Già Axel Munthe si occupò di salvaguardare e proteggere l’area così da renderla un santuario della natura. Un’opera che continua ancora oggi grazie agli studiosi della Stazione Ornitologica ivi esistente, che illustreranno il loro lavoro.

Si ringraziano la Fondazione Villa San Michele e la Stazione Ornitologica per la collaborazione e la disponibilità. 

    Prenotazione obbligatoria. Numero posti limitati. Partecipazione gratuita.

  E’ obbligatorio abbigliamento e scarpe idonee per percorsi sterrati.

 

Sulle orme di Mastr’Arcangelo. L’architettura “spontanea” ad Anacapri




foto Kaire Arte Capri

Sabato 21 maggio 2015
 – ore 9.30 – Piazza Vittoria (Anacapri)

Sulla scia dei racconti di Edwin Cerio, ci si inoltrerà nelle caratteristiche viuzze del centro di Anacapri alla scoperta delle architetture spontanee dell'Isola di Capri, frutto della sapiente perizia di generazioni di capomastri. Durante il percorso saranno illustrate le caratteristiche principali delle tipiche abitazioni capresi, soffermandosi su quelle di maggior interesse storico e pregio stilistico.

Sorridente E' gradita la prenotazione Partecipazione gratuita

“I DiVini Sapori della Campania”: la cittadina medievale di Tufo e le storiche cantine di Marzo ⓟ

Domenica 24 aprile 2016 

La cittadina di Tufo sarà protagonista del terzo appuntamento per "I diVini Sapori della Campania". Nel piccolo borgo di origine longobarda, Scipione di Marzo nel 1647, per sfuggire alla peste che imperversava in tutta Europa, trovò rifugio portando una vite chiamata Greco del Vesuvio, che divenne successivamente il famoso Greco di Tufo. Oggi, Tufo deve la sua fama alla produzione del vino bianco Greco di Tufo prodotto dalla famiglia di Marzo, proprietaria di una delle aziende vitivinicole più importanti del territorio nazionale.

L’itinerario culturale proposto in questa occasione dalla Kaire Arte Capri prevede un racconto che riguarda le particolarità storico-artistiche, tradizioni, enogastronomia, paesaggistiche che si incontreranno lungo il percorso fino alla cittadina di Tufo dove è prevista una vista guidata al borgo medievale, alle storiche Cantine di Marzo, alle vigne e per concludere un pranzo/degustazione presso il ristorante della struttura a base di sapori locali e gli ottimi vini prodotti dalla famiglia di Marzo.

Prenotazione obbligatoria entro 18aprile / Posti limitati

€ E’ prevista una quota di partecipazione. 

I tour avranno luogo solo al raggiungimento di min. 25 pax

Spostamenti con bus granturismo. Orari e luogo di ritrovo saranno comunicati in fase di prenotazione

Puoi vedere il programma completo e ulteriori informazioni sull'iniziativa "I diVini Sapori della Campania" cliccando qui

“I DiVini Sapori della Campania”: Vinum Pompeianum ⓟ

Domenica 10 aprile 2016 

Il nuovo itinerario de "I DiVini Sapori della Campania" è dedicato ai segreti della sapiente coltivazione della vite e alla storia della vinificazione alle falde del Vesuvio

La prima tappa prevede la visita agli scavi di Pompei e farà particolare riferimento alle scoperte emerse dalle ricerche archeologiche sulla produzione del famoso  “vino pompeiano”, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo antico, mostrando i vigneti originari ripiantati  in alcune aree verdi dell’area della città antica. All’epoca dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., che ha “sigillato”  la vita della popolosa cittadina, l’intero territorio vesuviano presentava vari insediamenti produttivi e aziende agricole, prevalentemente dedite alla produzione di vino, grazie alla fertilità dei terreni vulcanici.

Si raggiungeranno poi Le Tenute Le Lune del Vesuvio, un’azienda che conserva ancora oggi intatta la tradizione vitivinicola campana.L’attività produttiva dell’Azienda “Tenute Le Lune del Vesuvio”  utilizza  oltre al LacrymaChristi, anche altri vitigni noti fin dall’antichità e oggi tra i più rinomati dello scenario enogastronomico campano e nazionale, mantenendo la cura delle tradizioni e, contemporaneamente, utilizzando le nuove metodologie nel rispetto delle origini contadine.

Si potrà passeggiare tra gli ameni vigneti e vedere le cantine dove nasce il famoso Lacryma Christi ed infine assaggiare la tipica cucina napoletana accompagnata dalla degustazione degli ottimi vini prodotti in loco.Presso la Tenuta Le Lune del Vesuvio sarà possibile acquistare i prodotti del loro orto e visitare la fattoria con gli animali.

Prenotazione obbligatoria entro 1 aprile / Posti limitati

€ E’ prevista una quota di partecipazione. E' inoltre a carico del partecipante il biglietto di ingresso agli scavi di Pompei

I tour avranno luogo solo al raggiungimento di min. 25 pax

Spostamenti con bus granturismo. Orari e luogo di ritrovo saranno comunicati in fase di prenotazione

Puoi vedere il programma completo e ulteriori informazioni sull'iniziativa "I diVini Sapori della Campania" cliccando qui